sabato 17 agosto 2013

VIAGGIO - CAPITOLO 3

Scrivo dal telefonino e non dal pc, e sarò molto sintetico perché è l'una di notte. Gli ultimi 2 giorni ci hanno visto lasciare il magico song kol e circumnavigare l'immenso Yssyk Kol, toccare il punto più a est del nostro viaggio (la città di Karakol), fare centinaia di chilometri (circa 700) senza particolari emozioni.
Siamo entrati nel terzo ed ultimo capitolo, quello del rientro verso casa. Il capitolo più lungo visto che richiederà circa 12 giorni secondo i nostri calcoli.
Abbiamo chiuso i conti con montagne e sterrati, altopiani e laghi alpini incorniciati dai ghiacciai.
Oggi ci siamo sciroppati quasi 400km in mezzo al traffico di vacanzieri russi kazaki e kirgisi sull'yssyk kul, una specie di trauma dopo 15 giorni e 3000km di semi isolamento dalla bolgia della civiltà. Ma abbiamo anche conosciuto Memo, un simpaticissimo signore italiano che vive a Bishkek e gestisce la guesthouse presso la quale dormiamo, organizza trasporti da e per l'Italia e noleggia moto.
Visto che conoscenze e contatti sono fondamentali per viaggiare, soprattutto in moto, certamente nelle ore di chiacchiere abbiamo preso appunti preziosi per il futuro.

Ps: una cosa deliziosa é successa in questi 2 giorni....scendendo dal Song Kul abbiamo regalato una manciata di pennarelli e un block notes ad un bambino che si era avvicinato alle ns moto. La sua gioia é stata così grande che mentre correva verso casa apriva le braccia come per volare, e ogni 20 metri si voltava per salutarci con la manina. Ho la pelle d'oca mentre lo scrivo, anche se sono passate quasi 48 ore

Niente foto, poco testo. Scusatemi ma sono sfasciato ho bisogno di dormire.

1 commento:

  1. francesca vallieri17 agosto 2013 21:56

    apprezziamo lo sforzo x postare qualcosa tutti i giorni
    notte fratellino, grazie della telefonata :-)

    RispondiElimina